William Pezzullo, sfregiato con l’acido dall’ex fidanzata Elena Perotti. Sarà questa la descrizione che il barista di Travagliato sentirà di se stesso in seguito a quel settembre del 2012. All’epoca barista, William era appena uscito dal lavoro quando viene raggiunto da uno sconosciuto: calci e pugni a cui seguirà una secchiata di acido solforico. La situazione appare subito gravissima per il ragazzo, che rimarrà sfigurato su tutto il corpo. Riconoscerà però il suo aggressore e la complice: l’ex fidanzata. La sua storia verrà raccontata nella puntata di Amore Criminale del 18 febbraio 2018.

La storia di William Pezzullo, sfregiato con l’acido dall’ex fidanzata Elena Perotti

L’aggressione

Il dramma di William Pezzullo inizia alle 23.30 del 19 settembre 2012. Dopo essere uscito dal bar con cui spera di costruirsi un futuro, viene avvicinato da un uomo che inizia a picchiarlo. Sono momenti concitati, in cui il ragazzo cerca di difendersi. Verrà tuttavia immobilizzato, poco prima che Elena Perotti gli getti addosso un secchio di acido. Perché quell’azione, così terribile e che segnerà la vita di William per sempre? La donna non è una sconosciuta per la giovane vittima: hanno vissuto una relazione durata 18 mesi. Un rapporto fatto di alti e bassi e di strani comportamenti da parte di lei, che dimostra spesso di non avere un equilibro emotivo.

I tormenti e le accuse

Elena Perotti si apposta infatti spesso al di fuori del locale di William e sono numerose le sue scenate: è sicura che la tradisca ed a nulla serve che il fidanzato neghi tutto. Anche se il ragazzo cercherà di lasciarla più volte, ritornerà da lei più volte. Fino a che, pressato dal comportamento della donna, deciderà di porre fine alla loro relazione. Elena però non si ferma e continua a riempirlo di telefonate e messaggi. Lo segue, lo cerca. Qualsiasi cosa pur di avere un contatto con l’ex fidanzato, che intanto cerca di ricostruirsi una vita, anche sentimentale.

“Un giorno mi ha inviato la foto di un test di gravidanza, era positivo. Sono tornato con lei perché mi aveva detto di aspettare nostro figlio. Subito dopo mi ha dato la brutta notizia: aveva perso il nostro bambino. Ero a pezzi”.

Elena Perotti annuncia di essere incinta

In quel momento William Pezzullo, come riferisce a Libero Quotidiano, non capisce di essere caduto nella trappola di Elena Perotti. L’ex fidanzata ha l’abilità di manipolarlo, tanto che dopo diverse accuse di tradimento, è lei a cercare altri uomini. I pedinamenti intanto non finivano e l’ex fidanzata arriva persino a bucare non solo le ruote della sua auto, ma anche quella dei genitori e di alcuni amici. Ancora una volta la donna riesce ad intrappolarlo: gli annuncia di essere di nuovo incinta. Questa volta però William Pezzullo si oppone e decide di non crederle, pensando nel frattempo di fuggire in Australia. Decide però di rimanere convinto che, come gli dicono gli amici, prima o poi l’ex fidanzata si stancherà.

LEGGI ANCHE  Amore Criminale cambia volto, alla conduzione Veronica Pivetti

30 operazioni ed 1 milione di euro in risarcimento che William Pezzullo non otterrà mai

Avverrà il contrario e la scelta del ragazzo di non denunciare Elena Perotti la spingerà a chiedere il supporto di un amico, Dario Bertelli. Sarà infatti quest’ultimo ad aggredire William quella sera, a riempirlo di calci e pugni. Lei, 23enne, lo attende sotto casa con il complice, mentre è incinta di nove mesi. Il suo gesto verrà visto da William Pezzullo in un’ottica più grande, come della volontà di cancellarlo per sempre, di annullarlo. In seguito a quell’aggressione, dovrà subire 30 operazioni, che gli permetteranno di non perdere del tutto il volto. L’acido però lo ha privato delle orecchie e quasi del tutto della vista. Creme, operazioni, trattamenti. Cure mediche che il giovane dovrà sostenere solo grazie ai soldi ottenuti con la vendita del bar e con la liquidazione del padre.

William Pezzullo prima e dopo

Immagine pubblica e tratta dal gruppo Facebook “Io sto con William

Elena Perotti intanto verrà condannata a dieci anni di reclusione, ridotti poi ad otto. Non trascorrerà però nemmeno un giorno in carcere, dato che è appena diventata mamma. Diversi anni dopo diventerà madre per la seconda volta, di una bambina. Il tribunale stabilirà inoltre che i due imputati dovranno pagare 1 milione di euro a William Pezzullo per l’aggressione e per le cure mediche che dovrà sostenere. Soldi che la vittima tuttavia non vedrà mai, dato che i due aggressori sono nullatenenti.

Elena Perotti perde l’affidamento dei figli

Solo anni più tardi il tribunale decide di procedere contro Elena Perotti e di toglierle l’affidamento dei figli. Un gesto che lo stesso William Pezzullo, ormai lontano dal rancore e dalla vendetta, giudicherà come scorretto. Dopo tutto il primogenito ha trascorso tanti anni con la madre, afferma ai giornali nazionali, e strapparglielo via non fa altro che aggiungere dolore al dolore.