Quarto Grado ritorna nella prima serata di venerdì, 16 febbraio 2018, con una nuova puntata. Al centro dell’approfondimento del programma di Gianluigi Nuzzi ci sarà il caso di Pamela Mastropietro e la morte del piccolo Lorys Stival. Interverrà in studio il padre del bambino, Davide Stival, del cui omicidio è accusata la madre Veronica Panarello. Verranno affrontate inoltre le ultime notizie di entrambi i casi: per la morte della 18enne sono state confermate le accuse ai danni dei tre nigeriani.

Anticipazioni Quarto Grado, puntata del 16 febbraio: l’omicidio di Pamela Mastropietro

Quarto Grado darà particolare risalto alle ultime notizie sull’omicidio di Pamela Mastropietro, la ragazza di 18 anni ritrovata fatta a pezzi a Macerata. Al centro delle indagini Innocent Oseghale, Lucky Desmond e Lucky Walima, i tre nigeriani arrestati nei giorni scorsi e su cui gravano le accuse di omicidio volontario in concorso, vilipendio e distruzione di cadavere. Importanti i rilevamenti effettuati nelle ultime ore nell’appartamento di via Spalato, dove si è consumata la mattanza.

In particolare le autorità stanno cercando di individuare eventuali altre persone che potrebbero aver assistito al delitto oppure aver frequentato l’abitazione nelle stesse ore in cui Pamela Mastropietro è stata uccisa. Quarto Grado si preoccuperà grazie alla guida di Gianluigi Nuzzi di ricostruire la dinamica degli eventi e le ultime ore della vita della ragazza. Il tutto in attesa dell’esame dei Ris, che potrebbe fornire ulteriori dettagli sul macabro omicidio.

LEGGI ANCHE  Il mostro di Cleveland, film e documentario speciale Quarto Grado | 6 maggio

Anticipazioni Quarto Grado: interviene Davide Stival, il padre del piccolo Lorys

La rubrica di Quarto Grado curata da Siria Magri parlerà ancora dell’omicidio di Lorys stival, il bambino di appena otto anni ucciso a Santa Croce Camerina. Un paesino in provincia di Ragusa in cui viveva con il padre, il fratellino maggiore e la madre Veronica Panarello. Quest’ultima è stata condannata in primo grado per l’accusa di omicidio premeditato e occultamento di cadavere: dovrà rimanere in carcere per 30 anni. In questi ultimi giorni è stato pubblicato inoltre il libro scritto da Davide Stival, “Nel nome di Lorys“. Uno scritto con cui il padre del bambino ha ripercorso quanto accaduto quel giorno del 2014 con il contributo del giornalista Simone Toscano, di Quarto Grado.