Gene Gnocchi è nel mirino dei social in questa giornata, in seguito al suo intervento nel programma DiMartedì condotto da Giovanni Floris su La7. Il noto comico italiano si è lanciato in una battuta che non è stata colta in positivo dal pubblico italiano, che ha subito puntato il dito contro le sue parole. L’artista è infatti intervenuto con intenzioni simpatiche per commentare il maiale inquadrato fra i rifiuti di Roma, che secondo la sua opinione “è femmina, di un anno e mezzo, si chiama Claretta Petacci“. Il web non ha digerito la battuta di spirito – o il suo tentativo – e sono molti i telespettatori che hanno manifestato la propria indignazione su Twitter, tanto da far diventare #GeneGnocchi uno dei top Trend di oggi.

Il popolo italiano si è schierato contro la battuta di Gene Gnocchi su Claretta Petacci, per via dell’atroce destino che le è stato riservato ed in quanto simbolo della lotta contro la violenza. Alla luce di questo, la battuta del comico non è stata vista di buon occhio ed in molti hanno chiesto l’intervento della redazione di La7 perchè “venga cacciato a pedate, preferibilmente da una donna“. Alessandra Mussolini non si è fatta attendere e con una serie di tweet e retweet ha voluto rispondere all’intervento di Gnocchi a DiMartedì, sottolineando che il suo intento fosse collegato alla natura fascista della moglie di Benito Mussolini.

In quanto nipote del Duce, la Mussolini ha infatti imputato la frase di Gene Gnocchi ad un voler giustificare un omicidio solo per il suo schieramento politico: “Siete persone, anche se di idee diverse, da non rispettare! Ed io non vi rispetto, vi combatto“. Il tweet della Mussolini, sottolinea Il Tempo, è stato replicato in seguito da Vito Contesi.