I tifosi della Juventus, che la settimana prossima in casa con il Genoa giocherà con la curva Sud chiusa, hanno utilizzato i social per esprimere il proprio disappunto nei confronti della conferma della Corte d’Appello delle disposizioni federali. La punizione era arrivata in merito alla sentenza sul processo contro Andrea Agnelli, reo di aver intrattenuto rapporti illeciti con alcuni componenti della tifoseria juventina. Il presidente della Juventus era andato incontro a una parziale assoluzione, che prevedeva il pagamento di una multa e la chiusura della curva Sud.

Juventus, respinto il ricorso contro la chiusura della curva Sud: la protesta

Dunque il ricorso della tifoseria della Juventus è stato rigettato dalla Corte d’Appello, che ha quindi confermato l’assenza dei tifosi che occupano la curva Sud dello Stadium per il match casalingo del 22 gennaio contro il Genoa. I Drughi, investiti da questa scelta, hanno utilizzato Facebook per inscenare una contestazione.

Juventus

(Credits: Facebook)

Chiudete gli spazi, ma non imbavaglierete la passione!

Così recita la locandina creata da quella parte del tifo più caldo della Juventus, che ha quindi indetto – proprio per lunedì prossimo, poco prima del fischio iniziale – un’adunata nel piazzale davanti allo Stadium. I tifosi, nonostante la squalifica della curva, vogliono far sentire la loro presenza alla squadra, impegnata alla ripresa del campionato contro i genoani.

Il ricorso di Agnelli: cosa è stato deciso per la Juventus e i suoi tifosi lo scorso dicembre

Gli juventini contestano il fatto che – nonostante una sorta di assoluzione per Andrea Agnelli – sia arrivata comunque la punizione. Al presidente, nel ricorso accolto il 18 dicembre, era stata infatti ridotta l’inibizione. Per lui era però arrivata una multa da 100mila euro. 600mila euro era invece la cifra che la Juventus avrebbe dovuto pagare, con la conseguente chiusura della curva.

Poco tempo fa la stessa sentenza aveva creato una polemica inversa. La decisione di chiudere la Sud, solamente nel primo match del 2018 dei bianconeri e quindi non nella precedente gara con la Roma, aveva fatto storcere il naso alle altre tifoserie, soprattutto a quella romanista.