Quarto Grado – La domenica ritorna nell’access prime time di Rete 4 il 14 gennaio 2018 per parlare di sette. I recenti avvenimenti che hanno visto Michelle Hunziker al centro di importati rivelazioni, hanno spinto gli esperti e gli specialisti a parlare ancora una volta di sette e organizzazioni pericolose. Spesso in grado di annullare l’identità degli adepti e malcapitati, di fratturare matrimoni e relazioni, di privare l’individuo di ogni libertà. Sono questi gli elementi salienti delle parole shock della nota conduttrice svedese, che ha parlato della propria esperienza personale.

Quarto Grado – La domenica darà voce alle vittime delle sette, a chi è rimasto prigioniero di una trappola senza via d’uscita. Una situazione in cui spesso le vittime si sono ritrovate nell’impossibilità di ritrovare la libertà perduta. La testimonianza di Michelle Hunziker ha dato modo a tante altre persone di uscire allo scoperto e di parlare di quanto vissuto all’interno di una setta. Con l’attenzione di Siria Magri, il programma della rete Mediaset darà vita ad un dibattito che metterà al centro le vittime delle sette grazie all’intervento di testimoni ed esperti. Gli specialisti in particolare spiegheranno come uscire da questo mondo e come proteggere se stessi ed i propri cari da possibili ripercussioni.

Cosa dice il Cesap

La difficoltà di uscire da una setta riguarda infatti principalmente il controllo mentale che i “guru” dell’organizzazione esercitano sui malcapitati. Un vero e proprio lavaggio del cervello che spinge le vittime ad avere paura delle ritorsioni future. Le sette (religiose, psicologiche e sataniche) sono infatti da considerare sotto la luce di una vera e propria dipendenza. Il Cesap (la Onlus Centro Studi Abusi Psicologici) sottolinea infatti come l’individuo venga sottomesso e sottoposto a condizionamenti fatti di credenze e autodistruzione. Secondo lo psicoterapeuta e psicologo Massimo Buttarini, i persuasori possono addirittura indurre le persone a commettere reati o in alcuni casi – come le bestie di Satana – spingere verso il suicidio.

LEGGI ANCHE  Le Iene anticipazioni: Dj Fabo e processo Cappato | 12 dicembre