La pazza gioia è il film proposto da Rai 3 per la sua prima serata di oggi, venerdì 12 gennaio 2018. Andrà in onda a partire dalle 21.15 ed appartiene al genere commedia e drammatico. Diretto da Paolo Virzì, risale a due anni fa ed è stato presentato al Festival di Cannes nella sezione Quinzaine des Realisateurs. Il soggetto è stato ideato dallo stesso regista, mentre la sceneggiatura è stata realizzata al fianco di Francesca Archibugi. Le musiche sono state infine affidate a Carlo Virzì, il fratello di Paolo. Scopriamo di seguito i dettagli su trama, cast e altre curiosità sul film.

Trama

La trama de La pazza gioia si concentra sulla provincia di Pistoia ed una comunità realizzata per la cura delle donne con disturbi mentali. Villa Biondi sarà la location che permetterà a Beatrice e Donatella di incontrarsi e di diventare amiche, nonostante le differenze di carattere. Il loro legame diventa così forte da attirare l’attenzione dei responsabili, che le scelgono per un programma rieducativo da svolgere all’interno di un vivaio. A causa di un evento fortuito, le due fuggiranno dalla casa di cura con alle calcagna gli operatori sanitari. Ritrovata la libertà, Donatella e Beatrice saranno euforiche per la loro impresa e riusciranno a compiere numerose peripezie. Le crisi spunteranno tuttavia in tempi brevi, per via di alcune predizioni annunciate da una veggente sul passato di entrambe.

Cast

Il cast de La pazza gioia vede come protagoniste le due attrici Valeria Bruni Tedeschi e Micaela Ramazzotti, rispettivamente Beatrice e Donatella. Troviamo inoltre artisti del calibro di Valentina Carnelutti (Fiamma), Marco Messeri (Floriano Morelli), Anna Galiena (Luciana Brogi Morelli), Tommaso Ragno (Giorgio), Bob Messini (Aitiani), Sergio Albelli (Torrigiani), Marisa Borini (Valdirana), Simone Lenzi (padre di Elia) e Isabella Cecchi (madre di Elia.

Curiosità

Le curiosità su La pazza gioia riguardano soprattutto l’incasso, che ammonta ad oltre 1,3 milioni di euro per l’uscita ai Box Office. Il guadagno complessivo è stato invece di oltre 6 milioni di euro. La critica è stata più che positiva per questo ultimo lavoro di Paolo Virzì, specialmente per quanto riguarda la sinergia mostrata dalle due protagoniste. L’unico appunto sembra provenire da Alessandra Levantesi Kezich, che in articolo de La Stampa ha sottolineato come fosse stato meglio procedere a qualche taglio per aumentare il ritmo della narrazione.