Il diario di Bridget Jones è il film proposto da Canale 5 per la sua seconda serata di oggi, giovedì 4 gennaio 2018. Andrà in onda dalle 23.36 ed è una comedy romantica del 2001 diretta da Sharon Maguire. La narrazione si basa inoltre sul romanzo omonimo scritto dall’inglese Helen Fielding, considerato campione d’incassi come la pellicola. La fotografia è invece a cura di Stuart Dryburgh, mentre il montaggio è stato affidato da Martin Walsh e Patrick Doyle ha realizzato le musiche della colonna sonora. Prima di assistere alla sua visione, scopriamo i dettagli su trama e cast ed altre curiosità sulla pellicola.

Trama

La trama de Il diario di Bridget Jones racconta le vicende della protagonista, una 30enne che colleziona figuracce e convive con tre amici single. Nei suoi desideri c’è il datore di lavoro Daniel Claver, ils uo esatto opposto. Durante il buffet di Capodanno organizzato dalla madre, Bridget subisce un pallido tentativo della genitrice di volerla unire ad un uomo ed è così che incontra per la prima volta l’avvocato Mark Darcy. Anche se il legale dimostra disprezzo nei suoi confronti, la giovane decide di riprendere in mano la propria vita e di avviare un profondo restyling di se stessa.

Cast

Il cast de Il diario di Bridget Jones accende i riflettori su una brillante Renée Zellweger, nei panni della protagonista. Al suo fianco attori del calibro di Colin Firth (Mark), Hugh Grant (Daniel), Gemma Jones (Pam), Jim Broadbent (Colin), Shirley Henderson (Jude), Sally Phillips (Shazza), James Callis (Tom), Embeth Davidtz (Natasha), Neil Pearson (Richard), Paul Brooke (Kenneth) e Salman Rushdie (se stesso).

LEGGI ANCHE  Il coraggio della verità, trama e cast del film su Rai 3 | 4 gennaio

Curiosità

La pellicola ha registrato un forte successo, ma non sono mancate anche le critiche dirette all’attrice Renée Zellweger. Quest’ultima ha sollevato infatti malumori nell’inglese per via del suo accento stentato, anche se l’artista ha studiato appositamente la lingua a Londra per poter apprendere la fonetica corretta. Per poter interpretare la parte al meglio, l’attrice si è inoltre sottoposta ad una dieta ingrassante a base di burro di arachidi e pizze, oltre a bevande proteiche. Della pellicola sono stati inoltre realizzati due sequel, Che pasticcio, Bridget Jones! (2004) e Bridget Jones’s Baby (2016).