Quarto Grado ritorna nella prima serata di venerdì, 15 dicembre 2017, con nuovi approfondimenti sui casi di cronaca. In questa nuova puntata, il conduttore Gianluigi Nuzzi affronterà un caso che ha sconvolto l’opinione pubblica. Una famiglia è stata infatti sterminata con il tallio a Nova Milanese, una tragedia che ha messo al centro delle indagini Mattia Del Zotto. Il 27enne ha confessato agli inquirenti di aver voluto uccidere la zia e i nonni paterni grazie alla sostanza letale. Si tratta di un vero e proprio sterminio, dato che nelle intenzioni del giovane c’era anche di uccidere i nonni materni, la badante e due zii.

Quarto Grado approfondirà uno degli aspetti più agghiaccianti della vicenda, ovvero la scelta di Mattia Del Zotto di usare per i suoi piani omicidi un veleno insapore e inodore. Secondo la Procura di Monza la scelta sarebbe stata fatta per via della volontà del 27enne di “punire soggetti impuri”. Le indagini sono ancora in corso e le autorità stanno analizzando ogni dettaglio, compresa la personalità complessa del giovane di Nova Milanese. La difesa intanto ha chiesto che il ragazzo venga sottoposto a visita psichiatrica.

Quarto Grado parlerà ancora del caso di Renata Rapposelli

Le anticipazioni di Quarto Grado si concentrano inoltre sull’omicidio di Renata Rapposelli, la pittrice di Ancona ritrovata priva di vita a Tolentino. Le analisi sul suo corpo non hanno ancora confermato quali siano le cause del decesso della donna, mentre rimangono iscritti sul registro degli indagati l’ex marito Giuseppe Santoleri e il figlio Simone Santoleri. Entrambi sono accusati di concorso in omicidio e occultamento di cadavere.

LEGGI ANCHE  Il bisbetico domato, trama e cast del film su Rete 4 | 5 gennaio

Nei prossimi giorni il caso potrebbe avere una svolta grazie ad alcune testimonianze. Delle persone vicine a Simone Santoleri stanno infatti contribuendo a definire la personalità del figlio di Renata Rapposselli e le sue presunte menzogne. Durante un’intervista, l’uomo aveva infatti affermato di non aver mai frequentato la zona del Chienti, dove è stato ritrovato il corpo della pittrice, e si ipotizza che la sua auto possa essere servita a trasportare il cadavere della donna.