Melaverde ritorna con un nuovo appuntamento nella tarda mattinata di domenica, 3 dicembre 2017. Il programma di Canale 5 con Ellen Hidding e Edoardo Raspelli ci parlerà questa volta delle bellezze del Friuli e del Trentino Alto Adige. Un viaggio che ripercorrerà le eccellenze della tradizione friulana, dai coltelli di Maniago al Salame punta di Coltello, per poi raggiungere il Trentino Alto Adige. Si parlerà di agricoltura e di grano e mais, per un appuntamento che ancora una volta verrà preceduto da Le Storie di Melaverde. L’approfondimento inizierà come sempre alle 11.00 per riproporre i temi già affrontati in trasmissione in passato e rivisitati sotto un punto di vista rinnovato.

Ne Le Storie di Melaverde si parlerà di Piacenza e di tre fratelli che dalla Sardegna hanno raggiunto la provincia per aprire un’azienda agricola importante. Ellen Hidding ci mostrerà invece diverse curiosità legate al Natale, scoprendo le specialità del ristorante di Salvatore e Caterina Polidoro: il Delfino a Orzinuovi. Nella puntata di Melaverde si parlerà invece della provincia di Pordenone, dove Ellen incontrerà due famiglie legate alla storia friulana. La prima produce uno degli oggetti più cari alla tradizione locale: i coltelli di Maniago. La seconda invece è nota per una delle eccellenze del posto, Il Salame punta di Coltello, creato grazie ai tagli più pregiati del suino ed a grana grossa.

Anticipazioni Melaverde: Il granoturco e il mais

Edoardo Raspelli e le telecamere di Melaverde ci mostreranno invece la valle del Trentino sud occidentale, in cui da anni si è verificato un miracolo agricolo. Dopo aver recuperato una varietà italiana di granoturco, si ha dato il via ad una serie di sperimentazioni agricole che hanno portato verso un altro nobile cereale: il mais. Grazie alla storia del luogo si parlerà inoltre di un gruppo di persone con un progetto in comune che prevede l’uso del granoturno ad ampio raggio, dalle gallette all’uso in pasticceria. Nella precedente puntata, Melaverde aveva invece parlato del dei prodotti tipici del Piemonte, come abbiamo approfondito in un articolo raggiungibile qui.