The Voice of Italy 2018 promette cambiamenti significativi ed una formula rinnovata ad ampio spettro. Il talent musicale di Rai 2 partirà a marzo dell’anno prossimo per una quinta edizione importante e rivoluzionaria. Il programma ha infatti segnato un’assenza di due anni, grazie all’ultima messa in onda avvenuta nel 2016 ed è pronto per ritornare in pista. Ci sono tuttavia delle considerazioni da fare, a partire dal fatto che durerà solo otto puntate. Il motivo sembra collegato proprio al flop registrato due anni fa da The Voice of Italy, in cui non si è riuscito a superare il 10.27% di share.

The Voice of Italy 2018 darà così la possibilità ai telespettatori di mantenere alta l’attenzione sui concorrenti, grazie ad una formula più snella ed all’insegna del ritmo serrato. Quattro puntate del talent verranno inoltre dedicate alle Blind Auditions, mentre tre verranno divise fra Knockout e Battles. Il live riguarderà quindi solo la finale, per un unico appuntamento in tv. Come sottolinea Davide Maggio, la pecca di The Voice of Italy era da individuarsi principalmente nello svolgimento della competizione canora. A fronte di una gara lunga e distribuita nel tempo, il pubblico sembrava essere sempre meno interessato alle dinamiche di gioco.

Chi saranno i giudici di The Voice of Italy 2018?

I giudici di The Voice of Italy 2018 rimangono ancora un mistero, anche se i rumors come sempre non mancano. Secondo il settimanale Spy, il nome di J-Ax sarebbe fra i più quotati nonché il volto storico del talent show. Il rapper milanese non è infatti nuovo al programma, mentre si vocifera già su una presunta presenza di Al Bano. Il cantautore ha infatti già annunciato la sua uscita di scena dal mondo della musica, in occasione della fine di quest’anno. Eppure in base alle sue ultime interviste ed al fastidio dimostrato di fronte ai gossip, sembra proprio che Al Bano e The Voice of Italy 2018 non si uniranno così facilmente.

LEGGI ANCHE  Il team di Francesco Renga a The Voice Of Italy: i nomi dei dodici cantanti