Domenica In subirà una forte rivoluzione dopo la pausa dovuta alle festività. Il programma di punta del pomeriggio della Rai non è riuscito a risollevare le proprie sorti e sembra che non abbia saputo tenere testa al colosso di Barbara d’Urso. Anche se la volontà della rete nazionale era di rivoluzionare il tutto con la guida delle sorelle Parodi, appare chiaro che il flop registrato sia sintomo di qualcosa che non va. C’è aria di cambiamento quindi nello studio del celebre cavallo di battaglia della Rai, a partire proprio dalle timoniere.

Domenica In pronto alle pulizie di primavera

Secondo il settimanale Spy ci sarebbe aria di rivoluzione a Domenica In, complice la pausa legata alla Formula 1. Tiziana Martinengo sarebbe infatti stata nominata come nuovo capo progetto ed avrebbe già le idee chiare da fare all’interno del programma. A partire dalle conduttrici, Benedetta e Cristina Parodi, che potrebbero ritornare ai precedenti format. La più alta delle sorelle è infatti nota per i suoi show di cucina, Bake Off Italia a parte, visto che giungerà a termine l’1 dicembre con la finale. Cristina Parodi dovrebbe invece iniziare una serie di interviste che la rimetteranno al centro del piccolo schermo italiano, mentre rimane un grosso punto interrogativo per il futuro di Claudio Lippi.

LEGGI ANCHE  Mara Venier annuncia il ritorno di Alessia Macari a Domenica In e parla di una misteriosa "rotazione"

Regia, scenografia e luci: i cambiamenti di Domenica In

Domenica In era stato un ritorno al passato per il celebre conduttore ed anche una possibilità di riscattarsi dal punto di vista economico. Fra malori importanti e tracolli finanziari, Claudio Lippi non aveva infatti esitato a chiedere di poter ritornare in televisione per riprendersi dalle batoste ricevute. Domenica In era diventato così un nuovo trampolino di lancio per uno dei volti più amati del piccolo schermo. A giudicare dai rumors, sembra inoltre che la ventata di cambiamenti colpirà persino lo studio televisivo, a partire dalla scenografia e le luci, per non dimenticare della regia.