Melaverde è pronta per tornare sul piccolo schermo di Canale 5 nella mattinata di domenica, 26 novembre 2017. Questa settimana la programmazione dello show segnerà l’assenza dello spazio di tarda mattinata: le Storie di Melaverde danno appuntamento per la settimana successiva. In questa nuova puntata, i due timonieri dello show raggiungeranno il Piemonte per parlare di questo territorio ricco dal punto di vista della coltivazione della frutta e non solo. Al centro le famose mele e tanti altri frutti prelibati che nascono grazie alla produzione dei campi piemontesi. Dalla mela al Kiwi, dagli alberi all’arte della confetteria che hanno spopolato nel corso di 200 anni in tutto il Paese.

Ellen Hidding parlerà della storia di Genova alle telecamere di Melaverde, grazie ad una delle tradizioni più antiche del nostro Paese. Sette generazioni di bottegai hanno reso la famiglia Romanengo la principale produttrice di confetti e frutta candita, fin dal 1780. Una storia che parla anche della Confetteria, una vera e propria arte italiana. Durante la puntata di Melaverde verranno mostrati i laboratori di produzione, ancora immersi nei secoli in cui i maestri confettieri si sono approcciati per la prima volta alle materie prime. Una tradizione che dura ancora oggi e che permette la realizzazione di confetti, canditi e dolci. Un made in Italy esportato in tutto il mondo e che racconta 200 anni della nostra storia.

LEGGI ANCHE  Melaverde: Anticipazioni, i sapori della Campania | 19 novembre

A Melaverde sbarca la frutta di Cuneo, dalle mele ai kiwi

La domenica di Melaverde si arricchisce grazie agli approfondimenti di Edoardo Raspelli, che ci mostrerà le molteplici varietà di mele che vengono coltivate in Piemonte. In tutto il mondo ne esistono 7.000, di cui mille solo nel nostro territorio. Dopo Trentino Alto Adige e Veneto, il Piemonte è la terza regione italiana che vanta la maggiore coltivazione di mele. Si parla soprattutto di una delle varietà più in vista della regione e che ha ottenuto il certificato di Geografica protetta: La Mela Rossa di Cuneo. La frutticoltura piemontese si arricchisce inoltre di tanti altri tipi di frutta, valorizzate grazie alla pasticceria del luogo. La melicoltura è cresciuta in oltre trecento anni grazie all’introduzione di altre varietà di mele, ma anche grazie alla coltura principale di Cuneo: il kiwi. Nel precedente appuntamento, Melaverde aveva parlato invece dell’uva da tavola e dell’Alga Spirulina, una nuova coltivazione che sta prendendo sempre più piede nelle cucine italiane. Trovi qui l’approfondimento del precedente episodio di Melaverde.