X Factor 13 è finalmente giunto ai Bootcamp. Nella prima puntata, in onda il 3 ottobre 2019, il talent musicale ha vissuto i primi switch e le eliminazioni. Il tutto in attesa della formazione delle squadre definitive. Le categorie: Mara Maionchi guiderà gli Over, Samuel i Gruppi, Malika Ayane gli Under Uomini e Sfera Ebbasta le Under Donne. Ci saranno scintille e fischi: chi riuscirà a passare i Bootcamp ed accedere allo step successivo di X Factor 13? Mancano ancora alcuni passaggi decisivi prima di poter assistere al cuore della gara.

X Factor 13: le squadre della prima puntata di Bootcamp

Grazie alle anticipazioni diffuse in questi giorni sappiamo già quali categorie sono toccate in sorte ai quattro giudici del programma. La prima puntata viene guidata da Sfera Ebbasta e Samuel, ovvero le Under Donne e i Gruppi. La prossima settimana invece toccherà agli altri due colleghi decidere chi potrà far parte del loro team. Dopo diversi colpi di scena inaspettati, Samuel decide gli elementi che intende portare avanti fino alla prossima fase: Sierra, Kyber, Booda, K_mono e Seawards. La squadra di Sfera Ebbasta invece è composta da: Sofia Tornambene, Mariam Rouass, Giordana Petralia, Beatrice Giliberti, Silvia Cesana (Sissi). Seguendo il link presente sul nome potrete rivedere le esibizioni. Vediamo qui di seguito come è andata.

LEGGI ANCHE  X Factor: la storia del talent in Italia, cosa è successo?

La sedie di Samuel

Dopo aver assaporato il palco di Torino, voliamo fino a Milano per assistere ai Bootcamp. Il primo a stabilire la sua squadra è Samuel: grazie alla sua esperienza con i Subsonica, non poteva che essere alla guida delle band. Salgono subito sul palco le Ophelia, che decidono di cantare No Roots di Alice Merton. “C’erano delle imprecisioni, soprattutto dal punto di vista ritmico”, dice il giudice prima di dare una sedia alle tre ragazze. Passiamo ai Kyber, che per certi versi deludono il giudice. Vince comunque l’ovazione del pubblico e anche loro ottengono un posto a sedere. I Metriaksak perdono invece la possibilità di proseguire nel talent. Il consiglio è di lavorare sulle imprecisioni e ritentare il prossimo anno. Convincono invece i Monkey Tempura, anche se Sfera ha notato alcuni difetti nella loro performance, mentre il duo Ambo i lati perde l’occasione. Prima standing ovation per i K_mono, che strappano persino un sorriso al futuro capitano. “L’altra volta mi eravate piaciuti molto di più”, dice prima di chiedere al gruppo di fare una frase in italiano. La sedia però arriva.

Ultimo posto a disposizione, almeno per ora. Dopo aver ricevuto un no proprio dal frontman dei Subsonica, i TNL tentano di nuovo la fortuna e mancano il bersaglio. I Keemosabe ottengono la seconda standing ovation della serata. Per Samuel il sì è quasi un obbligo: “Sapete sicuramente suonare e soprattutto avete qualcosa da raccontare”. Visto che tutti i posti sono occupati, il primo switch riguarda gli Accasaccio, ma Samuel chiude le porte. Il duo Sierra tenta la sorte con una cover di Dua Lipa: vengono fatte alzare le Ophelia. I Booda cantano River di Bishop Briggs e per la prima volta è il giudice ad alzarsi in piedi per applaudirli. I Monkey Tempura però devono lasciare il loro posto. I Seawards cambiano chitarrista, ma la loro Blue Lights di Jorja Smith spacca lo stesso. Peccato che siano i Keemosabe ad andarsene, con grande sorpresa di pubblico e giuria.

Samuel Gruppi X Factor 13

Le sedie di Sfera Ebbasta

La prima puntata di Bootcamp mette al centro Sfera Ebbasta: sarà lui a scegliere quali concorrenti potranno continuare X Factor 13 ed entrare nel suo team. La prima a tentare la fortuna è Claudia Ciccateri, a cui va una sedia. Martina Maggi convince il giudice e ottiene un posto, seguita da Sara D’Elia. “Mi sembrava che mancasse quella energia in più, ma sicuramente ci sai fare”, dice ad Arianna Del Giaccio prima di assegnarle una sedia. Dopo aver cantato Malo, Maria Sitja de Cuevas propone Morena mia e coinvolge subito il pubblico. “Avresti potuto fare una cosa più contemporanea”, dice subito Sfera prima di dirle di no. Sara El Abbadi non ha valorizzato le sue capacità e visto che il giudice vuole sempre di più, preferisce non tenerla. Miriana Legari osa con Il cielo in una stanza di Salmo, ma sia Sfera che Samuel vedono la sua esibizione solo come una sorta di karaoke. Molto distante dal mondo rap e hip hop. Silvia Cesana detta Sissi si trasforma in Rihanna e scatena i presenti fin dalla prima strofa. In segreto, il coach dei Gruppi confessa ai colleghi di considerarla la sua preferita. “Se non le dai una sedia, sei un pirl@”, dice Malika. Sfera però era già convinto di darle la quinta sedia.

Si passa quindi allo switch, che mette subito alla prova Lavinia Di Fernando. Questa volta canta L’Isola che non c’è di Edoardo Bennato e non riesce a convincere il giudice. Eye in the sky di Noa porta invece fortuna a Maria D’Amico, che si mette a sedere al posto di Claudia. Giulia Galitzia ha riscritto Xanax di Sfera e guarda da vicino il precipizio. “Hai qualcosa da dire e hai un modo dirlo particolare, che ti rappresenta”, dice il giudice prima di chiamare lo switch e far alzare Sara. Matilde Ardemagni invece viene rimandata a casa, fra i fischi dei presenti e il disappunto della Ayane. Mariam Rouass ha riscritto un pezzo di Capo Plaza per renderlo più femminile e il suo esperimento riesce bene: prende il posto di Martina. Beatrice Giliberti canta un suo inedito, Come mi sento. Basta una sola strofa per far muovere gli spettatori. Prende il posto di Arianna, che polemizza con il pubblico, visto che hanno richiesto più di una volta di farla alzare. La penultima ad esibirsi è Sofia Tornambene, ovvero Kymono. Canta La leva calcistica del ’68 e stravolge tutto. Va al posto di Maria. Tenta la fortuna anche Giordana Petralia e centra il bersaglio, facendo alzare Giulia.

Sfera Ebbasta Under Donne X Factor 13

La prima puntata dei Bootcamp di X Factor 13 finisce qua, ma le sorprese non sono ancora finite. Appuntamento al prossimo giovedì con le scelte di Malika e zia Mara!