X Factor 13 alza il sipario sulla seconda puntata di Audizioni, in onda su Sky Uno il 19 settembre 2019. Nel debutto del talent musicale abbiamo scoperto i concorrenti che hanno ricevuto quattro sì e i flop clamorosi della serata. Anche in questo caso scopriremo chi potrà andare diretto alla fase successiva e chi invece verrà sottoposto ad un nuovo verdetto. X Factor 13 potrà inoltre contare su un ospite d’eccezione: come abbiamo visto dalle anticipazioni, sarà Anastasio a ritornare sul palco del programma che gli ha aperto le porte della musica.

X Factor 13, le Audizioni: i Top della seconda puntata

Iniziamo bene: il primo concorrente a salire sul palco affronta subito un problema tecnico con il piano. Il pedale non funziona, ma Davide Rossi ci regala una splendida versione di You Give Me Something (video esibizione), cantata da James Morrison. Gli applausi non si fanno di certo attendere e anche i giudici sono impressionati dalla sua bravura. I quattro sì nel suo caso possono essere solo scontati. Anche se Malika Ayane ha tentennato perchè Michele ha velocizzato il brano. Conquista anche la voce piena di Lavinia Di Fernando, una ragazza di sedici anni che con la sua chitarra ci propone Sei così bella di Ivan Graziani (video esibizione). Occhi lucidi per Mara Maionchi e Malika Ayane: “Hai una voce speciale”, dice la discografica. “Io ti ho creduta e mi sono sentita la più bella”, aggiunge la Ayane.

Anastasio compare nella prima parte della puntata e si cucca una bella standing ovation dal pubblico. Saluto doversoso a Mara, la sua mentore nel corso del talent, “brava ad indirizzarmi senza mai mettermi paletti fissi”. Passa anche Emanuele Crisanti (Nuela) con il suo inedito Carote (video): il pubblico si alza in piedi e per Sfera è un vero genio. Armata di Arpa, Giordana Petralia sconvolge con la sua versione di Creep dei Radiohead (video) e si becca una standing ovation dal pubblico. Quattro sì anche se con qualche incertezza da parte di Samuel. Il rap di Giulia Galitzia (Doll Kill) “spacca” ma non possiamo assistere all’esibizione completa. Sappiamo solo che i giudici sono tutti d’accordo sul portarla avanti, così come Martina Poggi (Martina Ma). Sono tre e amano Guerre Stellari: i Kyber (video esibizione) sono fra i pochi Gruppi della serata, ma conquistano i giudici.

I K_Mono incantano grazie alla voce della frontman Giulia e colpiscono subito Malika con Stay di Rihanna (video esibizione). Soprattutto perchè la cantante ha dimostrato di essere auto-critica. “L’inizio è stato magico”, dice Samuel nel suo verdetto. Purtroppo abbiamo pochi secondi per assistere all’esibizione delle giovani Claudia Ciccatteri e Maria D’Amico, ma sappiamo con certezza che li ritroveremo nella fase successiva del talent. Così come per la performance dei Monkey Tempura, mentre possiamo gustarci l’inedito del trio femminile Ophelya, dal titolo Dark Feelings (video). La seconda puntata di Audizioni di X Factor 13 si conclude con Silvia Cesana (Sissi), dotata di tante personalità e sul palco per cantare Del verde di Calcutta (video): quattro sì assicurati e standing ovation. “Dare una seconda vita ad una canzone sua è davvero complicato e tu l’hai fatto”, sentenzia Samuel.

I sì a metà

Le Audizioni ci propongono a metà serata la prima band: i TNL. I due ragazzi propongono Bella di Ernia e scatenano un nuovo conflitto fra Malika e Sfera Ebbasta. Il trapper infatti crede che il rap sia molto personale e che sia difficile riuscire a cantare il pezzo di qualcun altro. La Ayane invece la vede in modo diverso, ma è pronta a studiare il rap e cambiare idea. Il gruppo intanto riceve tre sì e un no da Samuel. Nicola Cavallaro ha alle spalle una carriera come parà nell’Esercito Italiano e poi ha scelto di lasciare tutto per seguire la sua passione per la Medicina. Con una voce profonda e graffiante, canta Iron Sky di Paolo Nutini (video) e fa mezzo pieno di consensi. “Hai solo bisogno di essere meno arrabbiato, meno aggressivo”, dice Mara sicura che potrebbe essere interessante lavorare con lui. Sì per la discografica, la Ayane e Samuel no per Sfera.

I flop

Fra i flop della seconda puntata di X Factor 13 non possiamo che ricordare l’outfit di Jonathan, con pantaloni così argentati da attirare lo sguardo di Sfera. La vocal coach milanese Elisa Manzi ci propone una sensuale Crazy In Love di Beyoncè, specificando però che ha scelto di ispirarsi al film Cinquanta sfumature di grigio. Silenzio in studio e fastidio visibile sui volti di Malika e Samuel: secondo i giudici si è persa, a causa di questo forte stravolgimento del brano originale. “Da quello che ho sentito dubito che tu possa spiegare a qualcun altro come cantare”, sentenzia la Ayane. Michael Miraglia (Mitch) non convince con la sua Alga Wakame, anche se risponde con un “Top”. Purtroppo lo stop della giuria arriva anche per gli aspiranti concorrenti che non riescono ad ottenere un consenso pieno. Uno stallo che tocca da vicino il 23enne Daniele Azzena, che si presenta nella seconda puntata di X Factor 13 come omaggio al padre scomparso. Canta Your Song di Elton John ed emoziona Sfera, ma solo per via del lutto in comune. Alla fine infatti tre giudici su quattro preferiscono dare un “no”.