Antonio Razzi si è esibito nel primo appuntamento di Ballando con le Stelle 2019, ma sembra che non abbia ottenuto la fortuna sperata. La sua Salsa in coppia con Ornella Boccafoschi non è riuscita a convincere la giuria: Antonio Razzi però ha accolto tutto con il sorriso, sicuro che andrà meglio. Avrà ragione? Prima di scoprirlo, rivediamo come è andata la sua prima esibizione ed i commenti dei giudici.

Antonio Razzi e Ornella Boccafoschi a Ballando con le Stelle 2019

Ex senatore ed uno dei personaggi preferiti da Maurizio Crozza per le sue imitazioni. Antonio Razzi è stato spesso al centro degli scherzi, anche da parte de Le Iene. In qualsiasi occasione e con un italiano piuttosto incerto, ha dimostrato comunque di stare alla burla ed anche il verdetto dei giudici, per quanto critico, non ha spento il suo sorriso. Ornella Boccafoschi ha deciso per il suo debutto a Ballando con le Stelle 2019 di metterlo alla prova con una Salsa a ritmo di Gangnam Style.

LEGGI ANCHE  Ballando con le Stelle 2019: Manuela Arcuri e Pablo Daniel Osvaldo nel cast

Il commento della giuria ed il punteggio

Canino è il primo dei giurati a dire il suo pensiero sulla performance di Antonio Razzi. A differenza di quanto faranno subito dopo i colleghi, il suo verdetto è positivo. A suo modo il concorrente ha dimostrato di essere elegante. Selvaggia Lucarelli contesta subito: visto che è diventato Senatore, ha paura che il programma gli regali pure il titolo di ballerino. Mariotto passa e decide di non commentare, ma dietro insistenza rivela di averlo trovato orribile.

La Smith è più che altro dispiaciuta. Durante le prove infatti ha notato il ritmo di Razzi, mentre in puntata si è perso. Zazzaroni non si esprime. Il voto finale è solo di 9 punti, grazie ad una tripletta di 3 da parte di Zazzaroni, Canino e Smith ed un doppio 0 da Lucarelli e Mariotto. Peggio di così insomma non poteva andare. Puoi rivedere in streaming su Raiplay il video con l’esibizione di Antonio Razzi a Ballando con le Stelle 2019 e la sua Salsa con Ornella Boccafoschi.