L’Omicidio di Guerrina Piscaglia è ritornato alla ribalta giudiziaria grazie alla Cassazione, che ha condannato a 25 anni Padre Graziano. Il marito della vittima, Mirco Alessandrini, è convinto che sia arrivato il momento giusto perché il sacerdote riveli dove si trova il corpo di Guerrina Piscaglia. In un’intervista a Quarto Grado, Mirco parla anche del suo rapporto con Padre Graziano.

Il marito di Guerrina Piscaglia a Quarto Grado, “Mi fidavo di lui”

Mirco Alessandrini si sentirà tradito per sempre. Padre Graziano infatti era entrato nella sua famiglia come un amico, un confidente. Soprattutto nei giorni che precedono la misteriosa scomparsa della moglie Guerrina. “Ultimamente lo accompagnavo sempre a casa”, riferisce infatti in un’intervista a Quarto Grado. All’epoca tuttavia Alessandrini non sospettava che ci potesse essere una relazione sentimentale fra Guerrina e Padre Graziano. Emergerà solo in fase di indagini, rivelandogli un aspetto della vita della moglie di cui non ha mai avuto sentore. Diversa la posizione del sacerdote, che ha invece dichiarato in precedenza che sono altre le persone che dovrebbero parlare.

“Non parlavamo mai di Guerrina”, dice ancora nel programma di Gianluigi Nuzzi. La speranza di Mirco ora è che la sentenza definitiva della Cassazione possa convincere il religioso a rivelare dove ha nascosto il corpo della Piscaglia. Due anni di silenzio in cui bisogna ancora fare luce, con il dubbio che non si potrà mai giungere ad una verità totale. “Magari qualcun altro sa e non lo vuole dire”, prosegue ancora. Negli ultimi giorni il giornalista Fabrizio Peronaci invece ha rivelato nel suo gruppo Facebook che dietro il giallo di Guerrina Piscaglia ci sarebbe molto di più. Una possibile fonte parla di festini con preti e suore congolesi, di un clima torbido in cui si sarebbe consumato il delitto.