Il caso Vannini continua ad interessare programmi di inchiesta ed approfondimenti da parte dei giornalisti televisivi. Le Iene ritornano grazie ad una vicina di casa della famiglia romana sulle dinamiche delle morte di Marco Vannini, che ha perso la vita mentre si trovava a casa della fidanzata Martina Ciontoli, la figlia di Antonio Ciontoli. La sentenza emessa alcune settimane fa ha riacceso lo sdegno di familiari e cittadini italiani.

Il caso a Vannini a Le Iene, spunta una possibile testimone?

Maria Cristina ha abitato per vent’anni al piano inferiore della casa di Antonio Ciontoli. E quella notte fra il 17 e 18 maggio del 2015 avrebbe sentito tutto ciò che accadeva nell’appartamento di Ladispoli. “Assassini”, li definisce a Giulio Golia che l’ha intervistata per primo. Unico fra tutti, perché a quanto pare la donna non avrebbe mai parlato né alla stampa né alle forze dell’ordine. “Mai convocata”, sottolinea infatti nell’estratto della video intervista già pubblicato sul portale de Le Iene.

LEGGI ANCHE  Marco Vannini, una morte ingiusta | Il caso

Che cosa ha sentito Maria Cristina e perché pensa con certezza che Antonio Ciontoli e la sua famiglia siano degli assassini? Secondo le indagini, sarebbe stato il padre di Martina a sparare con la sua pistola verso Marco Vannini. Il proiettile poi ha attraversato il torace, superando polmone e cuore fino a conficcarsi in una delle costole. In quel momento erano presenti tutti e quattro i Ciontoli, da Antonio alla moglie Maria Pezzillo, fino ai due figli e la fidanzata di Federico Ciontoli, Viola Giorgini. Quest’ultima scagionata da ogni accusa, come confermato nella sentenza d’appello. Le Iene trasmetteranno l’intervista integrale sulla vicina di casa dei Ciontoli nella puntata di questa sera, 12 febbraio 2019.