Taylor Mega sarà ospite di Verissimo per la puntata di questo sabato. Dopo essere uscita in tempo record dall’Isola dei Famosi 2019, l’ex Naufraga parlerà ancora di sé e del difficile periodo trascorso a contatto con la droga. Una rivelazione fatta durante un confessionale e che ancora oggi le permette di tirare un sospiro di sollievo. Per Taylor Mega tuttavia non è stato semplice, tanto che a volte si è ritrovata a pensare al suicidio.

Taylor Mega confessa: “Ce l’ho fatta da sola”

L’ex Naufraga non ha voluto nessuno al suo fianco quando si è resa conto di avere un problema di tossicodipendenza. Iniziato a 14 anni a quanto dice, grazie all’assunzione di droghe leggere. E poi il baratro a 17, quando la rottura con il fidanzato di allora la spinge ancora più a fondo nel tunnel. “Mi sono buttata sulle droghe pesanti, fino ad arrivare a quella più pesante di tutte, l’eroina”, svela infatti a Verissimo. Un periodo di sei mesi in cui si è guardata a fondo e da cui è riuscita ad uscire solo grazie ad una grande forza di volontà. I primi passi mossi nel vortice dell’astinenza, dove ha assaggiato il malessere più profondo. Poi altri tre mesi e finalmente la libertà, anche grazie all’allontanamento di tutte quelle persone con cui assumeva stupefacenti. Ed è proprio in quel periodo che in Taylor Mega nasce il pensiero di volerla fare finita. Anche se poi non ha mai agito.

LEGGI ANCHE  Verissimo: anticipazioni 9 febbraio e ospiti della puntata
A quanto pare i suoi genitori hanno saputo tutto solo quando si trovava all’Isola dei Famosi 2019 ed il ritorno a casa è stato positivo: “mi ha detto [mia madre, ndr] che qualsiasi cosa faccia rimango sempre sua figlia”. Nel presente della ragazza oggi c’è l’amore, grazie alla storia con Tony Effe della Dark Polo Gang. In passato però ha avuto una breve relazione con Sfera Ebbasta, ampiamente criticato per le morti di Corinaldo. “Mi è dispiaciuto quando l’hanno attaccato”, dice Taylor Mega a Verissimo. Ai suoi occhi però la colpa più grave sarebbe quella della discoteca, che non ha tutelato le persone presenti in quel momento nella struttura.