Marco Bonini sarà Paolo Zampelli ne La Dottoressa Giò 3, uno dei nemici della protagonista. Ha ricevuto l’incarico da primario in seguito allo scandalo che ha colpito Giorgia ed è riuscito a mantenere il potere grazie all’alleanza con Monti. Del tutto opposto alla Basile, Paolo Zampelli può contare anche sull’aiuto di Anna Torre, che intende sostenere un progetto a cui è particolarmente interessato. Prima di vederlo sul piccolo schermo, scopriamo qualcosa di più sul suo personaggio.

Marco Bonini è Paolo Zampelli: la scheda

Il carisma di Zampelli è fuori discussione. Anche per questo è riuscito a reggere l’intero ospedale in seguito alla sospensione di Giorgia. La sua carriera è brillante come la sua professionalità, anche se le sue intenzioni non sono sempre cristalline. Sarà inoltre fra chi non vedrà di buon occhio il ritorno della Basile in corsia, anche se il demansionamento che ha colpito la ginecologa lo mette al riparo da qualsiasi ripercussione. Fra i suoi principali interessi c’è un progetto di robotica sostenuto dalla Direttrice Sanitaria Anna Torre, dietro cui agisce il cattivo Sergio Monti. Sarà quest’ultimo ad accettare che i due facciano importanti acquisti tecnologici per il reparto.

LEGGI ANCHE  La Dottoressa Giò 3: a 24 anni dal debutto, la terza stagione su Canale 5

Zampelli ha inoltre una vita privata difficile, visto che la moglie si è trasferita negli Stati Uniti e lo ha lasciato da solo a crescere i due figli. I due si sono separati e questa situazione difficile contribuirà a minacciare il suo ruolo di padre. Senza considerare che gli impegni lavorativi lo tengono spesso lontano da casa. Anche se il problema non è il tempo a sua disposizione, è la mancanza di empatia che lo ostacola nel rapporto con i due figli. Un problema che viene sottolineato anche durante gli incontri con i pazienti, elemento che tra l’altro rende Paolo Zampelli del tutto diverso rispetto a Giorgia. Il personaggio di Marco Bonini però vedrà nell’ex primario una minaccia da sconfiggere: come andrà a finire?