Barbara d’Urso riveste di nuovo i panni di Giorgia Basile ne La Dottoressa Giò 3. Le nuove puntate la vedranno intensificare la lotta contro la violenza alle donne, proprio a partire dallo scandalo medico che l’ha portata in ospedale. Ha molte battaglie da combattere e sembra che lo staff del policlinico l’abbia presa di mira su diversi fronti. Giorgia non sa che esiste un complotto alle sue spalle promosso dal suo attuale nemico. Prima di vederla all’opera, scopriamo alcuni dettagli sul suo personaggio.

Barbara d’Urso è Giorgia Basile: la scheda

Giorgia è una donna combattiva ed a causa di quanto le è accaduto due anni prima del suo ritorno in ospedale, è diventata più determinata che mai. Non ha perso la sua visione positiva e la sensibilità che le ha permesso di entrare nel cuore delle sue clienti. Ha perso però il posto da primario a causa delle accuse mosse dal dottor Monti, che l’ha additata come responsabile della morte della moglie Michela. Il tribunale ha stabilito però che è innocente e per questo le viene permesso di ritornare a lavoro. Non potrà però riavere il suo posto da primario, ma dovrà ritornare ad essere un semplice medico dell’istituto.

LEGGI ANCHE  La Dottoressa Giò 3: a 24 anni dal debutto, la terza stagione su Canale 5

Nonostante le sue buone intenzioni per aiutare tutte le donne vittime di violenza, dovrà fare i conti con gli interessi economici e politici della Direttrice sanitaria Anna Torre, una delle alleate del professor Monti. Entrambi infatti intendono sostenere il progetto di robotica su cui Paolo Zampelli ha messo gli occhi come nuovo primario. Giorgia Basile sembra quindi giunta ad uno stop difficile da superare, almeno fino a che non si apre un inaspettato spiraglio. Il personaggio di Barbara d’Urso riuscirà a smascherare le ambizioni di Monti?