Catania – Uno studente universitario di 27 anni è stato ritrovato morto all’interno di un appartamento in via Eleonora D’Angiò. Non si conoscono ancora le cause del decesso, che potrebbero emergere nelle prossime ore. L’abitazione è stata posta intanto sotto sequestro da parte delle autorità.

Uno studente di 27 anni è stato ritrovato privo di vita a Catania dal proprio coinquilino, con cui condivideva un appartamento in città. La famiglia della vittima non aveva più sue notizie dallo scorso primo settembre, come sottolinea Today, ed anche per questo era stato richiesto al collega che abitava con lui di cercarlo. Una volta rientrato a casa, il coinquilino del ragazzo ha trovato il corpo senza vita della vittima ed ha lanciato l’allarme.

Lo studente di Catania era originario di Linguaglossa

I soccorsi di Catania sono intervenuti nell’immediato sul posto, così come i militari di Piazza Verga, ma non c’era più nulla da fare. Le indagini sono già state avviate e l’appartamento di Catania in cui viveva il 27enne è stato posto sotto sequestro per scoprire le dinamiche del decesso. Il corpo dello studente invece è stato trasportato fino all’ospedale Vittorio Emanuele per effettuare l’autopsia, che potrebbe rivelare le cause della sua morte. A quanto si apprende da La Sicilia, la vittima era originaria di Linguaglossa e studiava Ingegneria. Secondo le prime indiscrezioni, il medico legale ha stabilito che la morte del ragazzo risale allo scorso venerdì, giorno in cui se ne erano perse le tracce.

Catania: è omicidio? Il ritrovamento risale a domenica sera

Il ritrovamento della vittima di Catania sarebbe avvenuto inoltre attorno alle 22 di ieri sera. Il coinquilino che ha fatto la macabra scoperta era rientrato dalle vacanze proprio quel giorno e già al suo ingresso nell’appartamento avrebbe avvertito un forte odore di cadavere. Ancora sotto shock, sottolinea NewSicilia, i familiari dello studente, avvisati immediatamente dai militari.