Innocente accende le luci sul romanzo di John Grisham, l’unico che il prolifico autore ha scritto basandosi su una storia vera. Parliamo dell’omicidio della giovane Debbie Carter e di due sospettati, accusati della sua morte e di averla aggredita anche in un’occasione precedente alla sua morte. Innocente segue le fila di quanto Grisham ha scritto nel suo The Innocent Man: Murder and Injustice in a Small Town. Il docufilm sbarcherà su Netflix il prossimo 14 dicembre in tutto il mondo.

Innocente o colpevole? L’eterna domanda dietro al delitto di Ada

Saranno due i sospettati che le autorità della piccola cittadina di Ada individuerà per la morte di Debbie Carter: Ronald Keith Williamson, un giocatore di baseball che al fianco dell’amico Dennis Fritz avrebbe strangolato e ucciso la 21enne. Nella cronostoria di John Grisham, che sarà al centro di una saga seriale in America, Ron è appena ritornato nella sua cittadina natale dopo diversi tentativi andati a vuoto nel mondo dello sport. Purtroppo l’aspirante stella del baseball si è dovuto fermare a causa di una lesione alla spalla, che gli impedisce di poter giocare e che lo spingerà a cercare conforto nella bottiglia.

L’8 dicembre del 1982 le autorità di Ada ritrovano il corpo senza vita di Debra Sue Carter, una giovane cameriera che è stata picchiata, violentata e strangolata nel suo appartamento. Dopo cinque anni di indagini, la Polizia trova delle prove che dimostrano la colpevolezza di Ron Williamson e dell’amico Dennis Fritz. Il primo verrà condannato a morte, il secondo all’ergastolo per stupro ed omicidio nell’88. Il nome di Fritz del resto non è nuovo alle autorità locali, dato che sette anni prima la moglie è stata uccisa lasciandolo da solo ad allevare la loro unica figlia.

Undici anni dopo

Al centro dell’indagine letteraria di Grisham ci sarà invece la Polizia di Ada ed il procuratore distrettuale di Pontotoc, Bill Peterson. Due elementi che seguiranno a suo dire una pista sbagliata, forzando le confessioni di testimoni inaffidabili pur di arrivare ad una condanna. Nasce di contro The Innocence Project, una missione che si affiancherà al difensore Mark Barrett per dimostrare l’innocenza di Williamson. Sarà questo il contributo più forte che convincerà il giudice Frank H Seay a rivalutare il caso ed ordinare un nuovo processo: 11 anni dopo l’incarcerazione, i test del DNA dimostreranno l’innocenza di Williamson e Fritz.

Grazie al docufilm di Netflix, verranno seguiti tre diversi binari delineati da Grisham nel suo romanzo. Non solo Williamson e i danni psicologici che gli deriveranno dall’ingiusta detenzione, ma anche la soluzione del caso grazie all’arresto di Glen Gore. Innocente tratterà inoltre il processo e la falsa condanna ad altri due detenuti che si trovano in quegli anni nello stesso penitenziario di Williamson e Fritz, Tommy Ward e Karl Fontenot.