Claudio Amendola in Nero a metà: l’attore romano ritorna su Rai 1 con la nuova fiction crime prodotta in collaborazione con Netflix. A partire dal 19 novembre potremo vederlo nei panni del protagonista Carlo Guerrieri, un uomo fastidioso per alcuni a causa del suo carattere. Claudio Amendola sarà l’Ispettore burbero di Nero a metà, che non manca però di dare una carezza ai suoi affetti più cari.

Claudio Amendola è Carlo Guerrieri: la scheda del suo personaggio

Carlo non ha ottenuto tutto dalla vita. Anche a livello professionale sarebbe potuto arrivare molto più in alto. Peccato che la sua personalità divisa fra sarcasmo e cinismo non piaccia proprio a tutti. L’Ispettore è diventato negli anni un pilastro del Commissariato di Rione Monti ed ha creato un forte legame con la squadra che lo sostiene nelle difficili operazioni investigative. Non condivide però con i suoi fedelissimi quella ferita che lo spinge ancora adesso a provare una grossa sofferenza. E’ tutto iniziato anni prima, quando l’amata moglie Clara lo ha reso vedovo. Carlo ha dovuto così crescere da solo la figlia Alba e si è ritrovato papà inaspettato di una bimba di appena un anno.

LEGGI ANCHE  Nero a metà: il cast ed i personaggi della fiction di Rai 1

Anche se il tempo è trascorso inesorabile, Carlo Guerrieri non riesce ancora a voltare pagina. Il ricordo di Clara è stato comunque importante per padre e figlia: solo grazie a questo ed al loro legame sono riusciti a guardare verso il futuro. Tutto riaffiora però quando il protagonista di Nero a metà scopre che Alba ha intenzione di trasferirsi ed andare a convivere con il suo attuale fidanzato. Per Carlo sarà un duro colpo da digerire, anche se può contare su una donna splendida al suo fianco: Cristina.

Carlo Guerrieri e le relazioni

Come abbiamo visto i rapporti con gli altri sono essenziali per Carlo. Anche se in qualche modo tiene lontano tutto e tutti, non manca mai di dimostrare la sua lealtà ad Alba ed alla sua squadra. Questo clima di serenità e sicurezza verrà però spazzato via dall’arrivo di Malik, appena uscito dall’Accademia. L’Ispettore Guerrieri si ritroverà così a dover fare i conti con i propri pregiudizi e non solo perché Malik è di colore. Fra scontri e attriti, i due si ritroveranno a confrontarsi anche sul loro diverso modo di vedere i casi che dovranno risolvere. Durante la conferenza stampa di Nero a metà, Claudio Amendola ha sottolineato infatti come sarà difficile per il suo Carlo Guerrini riuscire a digerire una presenza così invadente.