Denis Bergamini potrebbe essere stato ucciso per un motivo diverso da quanto emerso in questi anni. Solo di recente, grazie alla riesumazione del corpo del calciatore del Cosenza, sembra che sia avvenuta la svolta nel caso. Il cambio ai vertici dell’inchiesta ha già prodotto dei risultati 28 anni dopo la morte di Denis Bergamini, inizialmente imputata ad un suicidio.

È in quegli anni infatti che vengono iscritti sul registro degli indagati l’ex fidanzata della vittima, Isabella Internò, ed il camionista che al tempo guidava il mezzo sotto cui si sarebbe lanciato Denis Bergamini. Nonostante la dinamica dell’incidente non corrispondeva alle ferite riportate dal calciatore, gli inquirenti decisero di archiviare il caso e di andare contro i sospetti dei familiari. La Procura per ora continua a tacere sui nuovi particolari emersi in seguito alla riesumazione del corpo di Denis Bergamini, sottoposto a diversi trattamenti all’avanguardia dal punto di vista genetico. In base alle indiscrezioni pubblicate dal settimanale Giallo, sembra che il laboratorio abbia già individuato l’esatte cause della morte della giovane vittima. Potrebbe arrivare nelle prossime ore la conferma ufficiale che si sia trattato di un omicidio e non di un suicidio.

Denis Bergamini: La pista sentimentale e le scommesse

Secondo quanto raccolto dagli inquirenti, la morte di Denis Bergamini sarebbe riconducibile inoltre ad un mix di cause. C’è infatti in ballo la pista sentimentale e quindi la relazione fra Isabella Internò ed il calciatore. Così come “questioni legate ad altre tematiche”, come sottolineato dal pm Facciolla. Il riferimento sembra puntate ad un giro di scommesse sulle partite truccate ed alla denuncia che Denis Bergamini voleva fare per interrompere l’attività illecita. Secondo alcuni dettagli legati alle indagini, sembra che il calciatore sia stato ricattato in seguito alla sua decisione di essere ceduto dal Cosenza Calcio ad un’altra società.

LEGGI ANCHE  Quarto Grado: Anticipazioni, Denis Bergamini è stato ucciso? | 19 novembre

Denis Bergamini | Facebook

Denis Bergamini era sotto ricatto?

Sembra che qualcuno avesse minacciato Denis Bergamini di rivelare alcuni dettagli della sua vita privata, riguardo al suo rapporto con alcune donne collegate alla criminalità. In base all’analisi dei giorni precedenti alla sua morte, sarebbe inoltre evidente che Denis Bergamini fosse ossessionato da qualcuno. In quei giorni aveva ricevuto una telefonata che lo aveva preoccupato molto e si trovava in presenza del padre Domizio. In seguito divenne protagonista di un episodio particolare, dovuto a tre uomini che lo invitarono a seguirli e che lo prelevarono da un ristorante vicino a Cosenza.

Denis Bergamini | Facebook

Due telefonate misteriose: Il caso di Denis Bergamini

E ancora un’altra testimonianza, quella di Michele Padovano. Il calciatore era il compagno di stanza di Denis Bergamini ed era presente quando la vittima aveva ricevuto un’altra telefonata. Anche questa lo aveva preoccupato moltissimo. L’ultima volta che è stato avvistato si trovava in compagnia di Isabella Internò, in partenza per quel viaggio in auto da cui non sarebbe mai uscito vivo. Alla luce di tanti particolari emersi sul decesso del calciatore, si potrebbe pensare anche che Denis Bergamini sia caduto nella trappola di qualcuno, che aveva già organizzato la sua morte. Questa una possibile ricostruzione del caso, che potrebbe trovare conferma o smentita grazie all’esito delle analisi effettuate sul corpo del giovane calciatore.