Asia Argento non ci sta. Dopo essere stata esclusa da X Factor 12 e dalla BBC, l’attrice italiana ha chiesto al suo difensore di intervenire per spiegare la sua versione dei fatti. Jimmy Bennett avrebbe mentito e sarebbe stato autore di molestie nei confronti di Asia Argento. Sempre più decisa a continuare a favore di #MeeToo, la figlia del re dell’horror lancia la Fase 2.

Asia Argento risponde alle accuse di Jimmy Bennett e rilancia

Un breve recap della situazione: in seguito ad un articolo del New York Times, Asia finisce nell’occhio del ciclone per via di una sua presunta relazione con l’attore Jimmy Bennett. Quest’ultimo avrebbe avuto 17 anni quando i due sarebbero stati a letto insieme. Per evitare scandali, Anthony Bourdain [morto suicida e compagno dell’attrice, ndr] avrebbe accettato di pagare 380 mila dollari a Bennett. Asia però nega che sia mai avvenuto un rapporto fisico, ma TMZ pubblica degli sms che sembrano smentirla.

Secondo alcune voci di corridoio riportate da Deadline, dietro il compenso a Bennett ci sarebbe stato anche un accordo privato che vietava all’artista di parlare di quanto accaduto. Per Asia Argento invece la situazione è molto diversa. L’avvocato dell’attrice ha infatti sottolineato come in realtà Bennett si sarebbe intromesso nella relazione fra la sua cliente e Bourdain, una volta che il loro rapporto è stato ufficializzato. Avrebbe quindi approfittato dei soldi dello chef francese e della sua visibilità per metterlo alle strette: o paghi oppure ti rovino la reputazione.

A quel punto Bourdain avrebbe accettato di versare 250 mila dollari a Bennett in previsione di completare il pagamento di 380 mila dollari richiesti dalla presunta vittima. Un’azione a cui Asia era contraria. Nessun vincolo invece riguardo all’impossibilità di raccontare la sua storia. L’attore avrebbe potuto parlare di quanto accaduto, senza alcun freno di sorta. Gli sms riportati da TMZ in passato invece sarebbero stati falsati dalla stampa. L’attrice avrebbe infatti sottolineato che è stato il 22enne ad aggredirla fisicamente e che in seguito alla sua azione sarebbe rimasta congelata. Nessuna relazione fisica quindi fra i due, come la Argento ha affermato in più occasioni.

“Quando i veri fatti verranno chiariti, siamo sicuri che Asia tornerà alla sua fama internazionale di attrice, musicista e regista, vincitrice di premi e acclamata. Continuerà a lavorare per le vittime messe a tacere, denigrate e isolate che hanno paura di parlare apertamente per via delle conseguenze”.

La Fase 2 di #MeToo inizia proprio da qui. Dalla volontà della figlia di Dario Argento di dare voce a tutte le vittime che hanno subito abusi, invitandole a raccontare la loro storia. In maniera indipendente dal loro passato e dall’aver condotto una vita irreprensibile. Asia Argento non si ferma e continua nella sua lotta, sicura che nel momento stesso in cui la verità verrà a galla, la Fase 2 di #MeToo prenderà vita.