Sara Francesca Basso ultime notizie – Verrà effettuata oggi la perizia del medico legale sul corpo della ragazzina di 13 anni morta a Sperlonga, mentre si trovava in hotel con la famiglia. Iscritti ieri nel registro degli indagati quattro persone che potrebbero essere coinvolti con la tragedia, come atto dovuto. Si indaga soprattutto per capire le modalità della morte di Sara Francesca Bassa, rimasta incastrata in uno dei bocchettoni della piscina del Virgilio Grand Hotel.

Oggi l’autopsia di Sara Francesca Basso, la ragazzina morta a Latina

Ad eseguire la perizia sul corpo della tredicenne sarà il medico legale incaricato dalla Procura, la dottoressa Stefania Urso. Al momento dell’esame sarà inoltre presente un consulente di parte nominato dalla famiglia della vittima, il dottor Augusto Canali. La dottoressa Daniela Lucidi sarà invece presente per conto delle quattro persona per ora coinvolte nelle indagini. Gli esami sono iniziati questa mattina attorno alle 10.30, presso il laboratorio di Tor Vergata. Si potrà stabilire così se Sara Francesca Basso sia stata colpita da un malore mentre si trovava in piscina e se abbia contribuito a portarla verso il decesso.

Secondo le prime ricostruzioni, la 13enne sarebbe infatti stata risucchiata verso il fondo della piscina del Virgilio Grand Hotel di Sperlonga. L’incidente sarebbe avvenuto a causa di una delle bocchette della vasca idromassaggio. Non è escluso che nei prossimi giorni le autorità decidano di approfondire la perlustrazione del sito anche a livello urbanistico, considerate le precedenti indagini che hanno interessato la struttura. Nel 2016 infatti, l’albergo è stato sequestrato in quanto lotto abusivo, ordine annullato in seguito dal Tribunale del Riesame. La Procura di Latina è invece proposta all’indagine per quanto riguarda la morte di Sara Francesca Sperlonga, soccorsa grazie alla presenza di diverse persone accorse sul posto.

LEGGI ANCHE  13enne morta a Latina: indagate quattro persone