Omicidio Lorys Stival – Ci sarà oggi il verdetto dei giudici della Corte d’Appello per le accuse a Veronica Panarello, la donna di Santa Croce di Camerina accusata di aver ucciso il figlio. Per la prima volta in aula, Davide Stival attende di scoprire quale sarà la decisione dei giudici sull’ex moglie, condannata a 30 anni nel primo grado di giudizio. Il padre del piccolo Lorys si augura che Veronica Panarello possa finalmente dire la verità su quanto accaduto quella mattina al bambino.

Omicidio Lorys Stival, il padre Davide: “Lei sa quello che è successo”

Ancora grande il dolore di Davide Stival per la perdita del figlio Lorys ed ancora di più per via del comportamento dell’ex moglie Veronica Panarello. In tanti mesi di carcere, così come nelle fasi iniziali delle indagini, la donna ha cambiato versione dei fatti diverse volte. Impossibile capire con esattezza che cosa sia accaduto quella mattina a Santa Croce di Camerina. Veronica ha più volte accusato il suocero Andrea Stival di essere il vero esecutore materiale. Ha parlato di una relazione torbida con l’uomo, scoperta da Lorys e motivo del delitto. Una versione più volte approfondita dagli inquirenti e caduta nel vuoto per via dell’alibi del padre di Davide Stival. Da pochi minuti la donna è entrata in aula per scoprire il verdetto della Corte d’Assise di Catania.

LEGGI ANCHE  Veronica Panarello, la difesa chiede una nuova perizia psichiatrica

Si tratta di una nuova possibilità della donna di poter rivelare importanti dettagli sull’omicidio di Lorys. L’udienza si sta svolgendo a porte chiuse e il verdetto verrà annunciato in giornata: verranno confermati i 30 anni di reclusione all’imputata? Ciò che si aspetta l’ex marito è che possa finalmente cambiare strategia e raccontare tutto. Nelle corse settimane, Veronica Panarello ha ricevuto inoltre l’okay dei giudici per quanto riguarda l’altro figlio. Davide Stival ha cercato di ostacolare qualsiasi contatto fra il bambino e l’ex moglie, ma i giudici hanno accordato la richiesta dei legali della donna. Potrà ricevere notizie sul primogenito.