Niccolò Bettarini è stato accoltellato nei pressi di una discoteca di Milano. Il figlio di Simona Ventura e Stefano Bettarini avrebbe ricevuto nove fendenti da uno sconosciuto. Attualmente Niccolò Bettarini si trova ancora ricoverato all’ospedale Niguarda della capitale della moda, soccorso subito dopo l’aggressione avvenuta nelle prime ore del mattino di oggi. Nelle notte successiva sono state messe in stato di fermo quattro persone.

Come sta Niccolò Bettarini? Simona Ventura, “Non è in pericolo di vita”

Alta la preoccupazione dei genitori di Niccolò Bettarini, i celebri Simona Ventura e Stefano Bettarini. Il 19enne è stato aggredito con un coltello o un punteruolo, specifica TgCom24, nelle vicinanze dell’Old Fashion di Milano. Sembra che il ragazzo si trovasse sul posto con alcuni amici e che abbia trascorso una serata in compagnia prima di avviarsi verso casa poco dopo le 5 del mattino di oggi.

Dalle prime indiscrezioni sembra che lo scontro fra Niccolò Bettarini ed un gruppo di giovani sia iniziato mentre si trovava ancora all’interno del locale. Il diciannovenne sarebbe intervenuto infatti per difendere il figlio di un militare della guardia di Finanza, un amico che alcune settimane prima aveva già avuto degli scontri con il gruppo di coetanei. All’intervento del buttafuori, Niccolò e gli amici sarebbero stati fatti uscire insieme agli sconosciuti. Uno di questi lo avrebbe minacciato con un coltello o un’arma bianca simile, ancora da ritrovare.

LEGGI ANCHE  Belen Rodriguez prossima conduttrice del Grande Fratello? I rumors

Ancora una volta sotto minaccia, Niccolò si sarebbe messo in mezzo per impedire che l’amico venisse ferito ed ha ricevuto nove fendenti. In particolare sembra che abbia riportato una lesione al tendine della mano. Le sue preoccupazioni non sono comunque allarmanti, come sottolineato dalla Ventura in un comunicato pubblico. “Per fortuna non è in pericolo di vita”, ha affermato la nota conduttrice. Uno dei presenti invece ha riferito agli agenti accorsi sul posto che gli aggressori di Niccolò Bettarini “erano degli animali”.