Santa Clarita Diet e Drew Barrymore sono ormai un’unica entità da alcuni anni. Mentre lo show di Netflix si avvia verso la sua terza stagione, l’attrice e protagonista ha voluto parlare del suo amore per la serie tv al fianco del resto del cast. Drew Barrymore interpreta infatti Sheila in Santa Clarita Diet, un’agente immobiliare che un giorno scopre di avere il virus zombie. Eppure per l’attrice il messaggio della serie è molto diverso dalla commedia pura e semplice.

Santa Clarita Diet, la visione di Drew Barrymore

Risate, sangue ed un pizzico di follia sono al centro di Santa Clarita Diet e del personaggio di Drew Barrymore. Sheila è infatti sanguinaria ed ha scoperto di recente di avere più sete del previsto. Motivo per cui nel secondo capitolo le abbiamo visto compiere omicidi seriali uno dietro l’altro, ovviamente con l’aiuto del marito Joel (Timothy Olyphant). L’attrice però si è avvicinata al copione per via di alcuni elementi, che si distaccano dalla traccia zombie presente nella narrazione. Da un lato la metafora della golosità e l’unione di quest’ultima con la relazione matrimoniale dei due protagonisti.

“Viviamo tutti sul pianeta Terra e abbiamo un cortile ed una famiglia di qualche tipo. Posso essere rapita dagli alieni, dagli zombie, affrontare i viaggi nel tempo o i non morti. Ma ho bisogno di tornare all’umanità di tutti i giorni ed alle relazioni”.

Durante l’incontro fra il cast di Santa Clarita Diet e la stampa, la Barrymore ha inoltre svelato di essersi convinta in via definitiva ad affrontare questo ruolo quando ha scoperto che la location sarebbe stata la sua valle. Difficile per la star abbandonare il suo noto accento che la rendono a tutti gli effetti una cittadina della San Fernando Valley, a pochi km da dove è ambientato lo show. Senza considerare che ha scelto di interpretare Sheila per riuscire a combattere il clima attuale. Difficile sopravvivere senza una buona dose di risate e per questo l’attrice ha deciso di fare qualcosa di divertente, “come se fosse una medicina che mi permettesse di sopravvivere a questo clima attuale”.