Danilo Aquino non ha pace al GF 15 ed è finito nel mirino degli altri concorrenti. L’insofferenza verso il tecnico romano inizia fin dal suo ingresso nel reality, senza considerare gli ultimi eventi. Ancora una volta ritorna sotto al riflettore la frase che ha detto a Lucia Bramieri, quando ha fatto intendere di potersi spingere oltre con un po’ di vino. Danilo Aquino ha inoltre potuto sentire le diverse opinioni dei concorrenti del GF 15, che hanno voluto metterlo alla gogna.

Danilo Aquino al GF 15 risponde alle accuse dei compagni

Sono diversi i difetti che i concorrenti del reality hanno individuato in Danilo Aquino. Il tecnico romano ha la tendenza a mettere in primo piano se stesso e ad esaltare le sue gesta, anche nelle piccole cose. L’intervento di Alberto si è trasformato in pochi minuti da un attacco bonario ad una critica accesa che ha inasprito l’umore dei concorrenti del GF 15. In particolare Alberto ha individuato nel romano anche una tendenza a ribadire un concetto inesistente pur di uscirne pulito. Ed è da qui che è ritornata in forza la famosa frase detta a Lucia Bramieri, che ha svelato il doppio gioco di Simone. Danilo infatti continua a ribadire di non aver detto “mi infilo la Bramieri”, ma “mi infilo d’a Bramieri”, ovvero nel letto della milanese. Eppure gli altri concorrenti ed una grossa fetta di telespettatori sembrano aver sentito con chiarezza l’articolo.

LEGGI ANCHE  Il Ken umano al GF 15, il nuovo concorrente rivelato a Domenica Live

Pur di far scemare il fuoco incrociato, il tecnico ha deciso alla fine di confermare le accuse. Da mite a infuocata, Alessia ha però aperto i rubinetti ed ha accusato il romano di averla inquadrata come facile da infinocchiare. I due concorrenti non hanno infatti mai creato un legame e secondo l’ex Miss di Volvera, “con 20 minuti e due parole credevi di avermi fatta scema, perché ho 22 anni”. Secondo Alessia inoltre Danilo è il primo a giocare, anche se contesta agli altri di fare un gioco sporco. Il riferimento è chiaro e diretto al pensiero del romano sulla strategia di Simone, che anche in questo caso è riuscito a fomentare lo scontro pur di far emergere le personalità altrui. Tutto è partito infatti dalla decisione di Coccia e di Tarzan di puntare il dito contro Danilo Aquino, un discorso come sempre fatto in piscina lontano da occhi e orecchie indiscrete.