Chi l’ha visto anticipazioni del 9 maggio – L’appuntamento del mercoledì sera su Rai 3 riporterà alla guida del programma la conduttrice Federica Sciarelli. Verranno approfonditi gli ultimi casi di cronaca che hanno colpito il nostro Paese, con un particolare sguardo su due tragedie che hanno sconvolto l’opinione pubblica. Le anticipazioni di Chi l’ha visto riguardano infatti il caso di Giulia Di Sabatino e Mario Bozzoli.

Chi l’ha visto anticipazioni del 9 maggio 2018, la puntata e i casi del giorno

Sono due i focus che verranno fatti da Chi l’ha visto nella puntata di oggi. Si parte dagli ultimi aggiornamenti sul caso di Mario Bozzoli, l’imprenditore di Marcheno ucciso tre anni fa in circostanze misteriose. Messo da parte l’incidente e l’ipotesi iniziale, gli inquirenti continuano a concentrarsi sulla pista finanziaria. In particolare c’è in ballo una fattura per la riparazione e il ripristino di alcuni fondi della società gemella di proprietà dei nipoti e del fratello della vittima. Secondo le prime indiscrezioni, sembra che Mario Bozzoli fosse molto turbato dopo aver scoperto che i familiari avevano addebitato delle riparazioni alla fonderia di cui era socio al 50%, quando in realtà i lavori sono stati fatti altrove.

Ad anni di distanza dalla tragedia, sembra ormai svanita la tesi di suicidio per la morte della giovane Giulia Di Sabatino. La 19enne potrebbe infatti essere stata uccisa in un posto diverso dal cavalcavia della A14 da cui si sarebbe gettata. Le analisi degli specialisti sulle suole della vittima sembrano infatti indicare la presenza di detersivi, dovuti a pavimenti industriali e di certo diversi dalla ruggine e terriccio presenti sul parapetto del cavalcavia. I genitori di Giulia Di Sabatino non hanno mai creduto al suicidio ed un testimone in particolare ricorda di aver visto la ragazza percorrere l’autostrada in compagnia di due sconosciuti. Le anticipazioni di Chi l’ha visto riguardano proprio questo punto: qualcuno ha visto Giulia quella notte?

LEGGI ANCHE  Chi l'ha visto anticipazioni dell'11 aprile: l'appello della famiglia Vannini