Sana Cheema è stata strangolata. A confermare come sarebbe morta la ragazza di origine pakistana e residente a Brescia è l’autopsia effettuata in questi giorni dal Punjab Forensic Laboratory. Il corpo di Sana Cheema presenta infatti delel fratture al collo, che sarebbero compatibili con lo strangolamento.  Lo stesso portavoce della comunità pakistana presente a Brescia, Fazal Jabran, conferma che per ora le ultime notizie sulla morte della ragazza sembrano riguardare un caso di omicidio.

Sana Cheema uccisa per un matrimonio rifiutato?

Nelle scorse settimane il caso di Sana Cheema ha sconvolto la comunità pakistana e italiana. La giovane viveva infatti a Brescia ormai da tempo e la sua morte è subito sembrata sospetta a quanti la conoscevano. Alcuni testimoni parlavano tra l’altro della sua decisione di sposare un ragazzo italiano, forse in contrasto con il parere della famiglia. Per questo quasi un mese fa sono stati fermati Ghulam Mustafa, Adnan Mustafa e Mazhar Iqbal, rispettivamente il padre, il fratello e lo zio della vittima. Il sospetto è che possano aver deciso di uccidere e seppellire la ragazza per via di quel matrimonio combinato a cui non avrebbe acconsentito.

Alcuni testimoni ascoltati da Chi l’ha visto parlano invece di un desiderio di Sana di sposare un ragazzo pakistano. Altri sono sicuri che fosse innamorata di un italiano, motivo che avrebbe spinto la famiglia a contestare la sua decisione. Si pensa infatti che la ragazza non potesse sposare un uomo diverso dalla sua casta e non di origine pakistana, date le origini della famiglia. A gennaio Sana Cheema aveva fatto ritorno in Pakistan per un breve soggiorno e la sua morte è stata comunicata pochi giorni prima del rientro previsto in Italia, come ricorda La Stampa. I familiari hanno sostenuto fin dall’inizio che la morte della ragazza sia collegata a cause naturali, come conferma un certificato medico in cui viene indicato u presunto ricovero della vittima. Gli amici italiani di Sana Cheema tuttavia sono sempre stati convinti che la verità fosse un’altra.

LEGGI ANCHE  Omicidio Sana Cheema, arrestati anche due cugini