Le Iene anticipazioni del 6 maggio – Il programma di Italia 1 torna nella prima serata di domenica grazie alla conduzione di Nadia Toffa, Andrea Agresti, Nicola Savino e Giulio Golia. Le anticipazioni de Le Iene si concentrano su no-vax e la recente polemica che ha colpito il medico Dario Miedico. Inoltre un’inchiesta sulla mica, un minerale poco conosciuto e presente in apparecchi e prodotti di largo uso.

Le Iene anticipazioni del 6 maggio 2018: il servizio di Alice Martinelli

Ha fatto scandalo nei giorni scorsi un post sui social da un’attivista del movimento Siamo. Si tratta di un gruppo conosciuto come Siamo e guidato da Dario Miedico, il medico che è stato radiato dall’ordine per via delle sue posizioni sul tema scottante del no-vax. Nel suo post, la donna invitava il pubblico a partecipare ad un evento particolare, il Varicella Party.

La polemica non si è fatta attendere contro il movimento Siamo, dividendo ancora una volta l’opinione pubblica di fronte al tema vaccini. Immediata la preoccupazione di Giulio Gallera, assessore alla Sanità della Regione Lombardia, che ha ricordato come la varicella possa avere delle conseguenze molto gravi. Per questo è fra i vaccini obbligatori per tutti i bambini nati nel 2017 ed è prevista una legge che punisce penalmente chiunque diffonda l’epidemia. L’inviata de Le Iene Alice Martinelli incontrerà la donna che ha scritto il post e il virologo dottor Fabrizio Ernesto Pregliasco, dell’Università degli studi di Milano.

LEGGI ANCHE  Le Iene Show: niente puntata domenica 3 febbraio, si slitta

Le Iene anticipazioni del 6 maggio 2018: il servizio di Gaetano Pecoraro

L’India è un Paese ricco di un minerale poco conosciuto eppure molto diffuso in tutto il mondo. Si tratta della mica, utilizzata in phon, lavatrici, vernici per auto, dentifricio e molto altro ancora. Soprattutto viene usata nell’industria cosmetica, per rendere i prodotti più brillanti. Gaetano Pecoraro raggiungerà in particolare Jarkhand, che come il Bihar è fra i maggiori trasportatori indiani. Le stime parlano del 25% della produzione mondiale.

Due Stati molto poveri, in cui la popolazione sopravvive grazie alle miniere di mica. E questo implica anche il lavoro da parte di giovani e giovanissimi: per Terre des Hommes la stima si aggira attorno a 20 mila ragazzini al di sotto dei 14 anni. Particolare la forte attività di estrazione ed importazione, anche a fronte di una mancanza di aste che concedano i terreni su cui lavorare. Le anticipazioni de Le Iene faranno luce su questo minerale, il cui mercato trova spazio dalla Cina fino all’Europa.