Meningite a Cagliari – Gravi due persone nelle ultime ore in Sardegna, uno studente ed una donna di 40 anni. I due pazienti sono stati ricoverati negli ospedali più vicini e si teme che possa trattarsi di nuovi casi di infezione da meningococco di tipo B. In seguito alla morte del giovane di 20 anni di Cagliari e del ragazzo di Gesico, le autorità sanitarie sarde stanno lavorando senza sosta per cercare di rispondere in modo immediato all’insorgenza del problema.

Non sono ancora noti i dettagli sui sue casi di meningite che hanno colpito Cagliari in queste ultime ore. Secondo alcune indiscrezioni si tratterebbe di una donna sulla quarantina ed uno studente di 21 anni, entrambi di origini cagliaritane. Le autorità sanitarie hanno sottoposto intanto i familiari alla profilassi necessaria per appurare la presenza di eventuali altre infezioni all’interno della loro cerchia ristretta. Come sottolinea Unione Sarda, i due pazienti ricoverati a Cagliari sarebbero in gravi condizioni. La donna è stata trasportata all’ospedale Brotzu, mentre il ragazzo si trova al Santissima presso il reparto di Malattie infettive. Per quest’ultimo la diagnosi sembra riguardare una setticemia da meningococco.

Continua la paura per i casi di meningite: gli ambulatori sono stati presi d’assalto dai cittadini in forte allarme per l’emergenza. In seguito ai due nuovi casi emersi a Cagliari, l’Azienda per la tutela della salute ha convocato una riunione d’urgenza per stabilire un piano d’azione. Prevista una conferenza stampa attorno alle 10 di domani mattina presso l’assessorato alla Sanità. Interviene intanto l’assessore Luigi Arru, che ha sottolineato come non si possa parlare di epidemia. Nella mattinata di ieri erano ancora stazionate le condizioni del ragazzo di Gesico che era stato ricoverato a Monserrato a causa dei sintomi di meningite in corso.