Neonato morto in incidente a Monza – Non ce l’ha fatta il piccolo Liam, rimasto travolto in uno scontro stradale lungo il viale Fermi di Monza. Il sostituto procuratore Alessandro Pepè ha chiuso le indagini sul decesso, avvenuto lo scorso novembre, ed ha disposto l’apertura di un fascicolo ai danni del padre del piccolo con l’accusa di omicidio colposo e lieve concorso di colpa per la madre. La tragedia con protagonista la coppia di origini ecuadoriane è stata ripresa dalle videocamere presenti nella zona, fondamentale per l’accertamento di quanto avvenuto al neonato morto nell’incidente di Monza.

Neonato morto in un incidente a Monza: l’incidente è stato provocato dal padre

Per gli inquirenti non ci sono dubbi. Il piccolo Liam sarebbe morto nel tragico incidente dello scorso novembre a causa della scelta dei genitori di non legare il bambino nel seggiolino richiesto dalle norme sulla sicurezza. Al momento dello schianto, sottolinea Il Giorno, il padre ventenne si trovava alla guida della sua Fiat punto in assenza di altri mezzi che potessero provocarne l’uscita di strada. Secondo le ricostruzioni, il neonato morto poteva trovarsi addirittura in braccio alla madre di 19 anni per via dell’allattamento. Non si esclude infatti che il vomito copioso che ha interessato il piccolo Liam all’arrivo del primo soccorritore possa essere ricondotto all’allattamento appena terminato.

LEGGI ANCHE  Neonato nel freezer, Migliarino: indagata la madre per omicidio volontario

Neonato morto in incidente a Monza: presente una forte quantità di alcool nel sangue del padre

Ad accorrere sul posto in seguito all’incidente di Monza sarebbe stato un uomo che si trovava alla guida di un furgone bianco. Appurata la drammaticità della situazione, avrebbe trovato il bambino al di sotto di un cumulo di coperte e lo ha estratto dalle lamiere compromesse dallo schianto. L’autopsia ha confermato che sono stati i molteplici traumi collegati al violento impatto a provocare il decesso del piccolo. I genitori di Liam hanno deciso intanto di non rispondere alle domande degli inquirenti, rendendo impossibile chiarire dove si trovassero durante la notte. Gli esami del sangue fatti sul padre del neonato morto avrebbero rilevato la presenza di 50 grammi per litro di alcol, un valore al limite della norma per via dell’età dell’indagato.