Chirignago: A cena con il killer, droga le vittime e poi le uccide

0
2 visite
Omicidio Chirignago, Venezia
Omicidio Chirignago, Venezia

Una cena organizzata nei minimi particolari, forse voluta per gelosia. Sono queste le dinamiche che ieri sera avrebbero portato un 50enne di Chirignago ad uccidere un uomo ed una donna. Forse un piano diverso, finito poi in tragedia: il reo confesso aveva drogato le due vittime per poi ucciderle in un presunto scoppio d’ira.

Un invito a cena e poi il duplice omicidio. È quanto avvenuto nella notte di sabato a Chirignago, in provincia di Venezia. Un delitto che ha tutta l’aria di essere un piano premeditato, a partire dalla volontà del reo confesso di drogare le due vittime. Il 50enne viveva da solo in un appartamento di via Abruzzo, dove gli altri residenti lo descrivono come un uomo riservato. Ancora oscure le motivazioni del duplice omicidio, anche se si sospetta che sia partito tutto dalla gelosia che il reo confesso provava per la donna, straniera e sui 30 anni.

Chirignago, omicidio in via Abruzzo: 50enne droga le vittime e le uccide

Sembra che il 50enne si fosse invaghito della donna e che non abbia retto nel saperla al fianco di un altro uomo. Tutto questo lo avrebbe portato ad organizzare una cena con le due vittime, forse con il chiaro intento di ucciderle. Dopo averle drogate, il presunto killer ha messo in atto l’ultima parte del suo piano omicida. In base alle prime ricostruzioni, sembra tuttavia che qualcosa sia andato storto nel corso della serata. L’aggressione è infatti iniziata in cucina, dove i tre stavano consumando la cena, ma il duplice delitto è terminato in due zone diverse dell’appartamento di Chirignago.

Chirignago, omicidio in via Abruzzo: Un piano finito male?

La donna è stata soffocata a mani nude in camera da letto, sottolinea Today, mentre l’uomo è stato ucciso a bastonate in cucina. Il 50enne avrebbe cercato anche di trascinarlo nel terrazzino della propria abitazione. Nessuno dei residenti della palazzina di Chirignago si sarebbe accorto di quanto stava accadendo. È stato infatti il 50enne a richiedere l’intervento delle forze dell’ordine, forse dopo essersi accorto di quanto accaduto.