Maria Chindamo: L’aggressore è uno dei familiari? Il particolare | Chi l’ha visto

0
4 visite
Maria Chindamo - Quarto Grado
Maria Chindamo - Quarto Grado

Maria Chindamo è stata uccisa da un familiare? La scomparsa dell’imprenditrice di Laureana di Borrello continua ad essere avvolta nel mistero. Il caso a Chi l’ha visto, nella puntata del 14 giugno.

La trasmissione di Federica Sciarelli ritorna sul caso di Maria Chindamo e analizza la scomparsa della donna da più punti di vista. In passato si è parlato di una possibile connessione con un’altra scomparsa, quella di un agricoltore della stessa zona. Una delle ipotesi è che i due casi siano in realtà collegati e che Vincenzo Freiland possa aver visto qualcosa di scomodo, magari collegato proprio a Maria Chindamo. In base alle testimonianze emerge un episodio inquietante e significativo. Prima che si perdesse ogni traccia dell’anziano, qualcuno ha apposto una croce sul suo cancello. Che significato può avere? Qualcuno ha voluto minacciarlo?

Maria Chindamo e la scomparsa dell’agricoltore | Chi l’ha visto 14 giugno 2017

Chi l’ha visto continua a concentrarsi sul caso di Maria Chindamo, indagando a tutto tondo. Emerge infatti un altro particolare, questa volta collegato con la famiglia del marito della donna. Ferdinando Punturiero si è suicidato un anno prima che l’imprenditrice sparisse nel nulla. Il caso della donna è collegato in qualche modo con la famiglia del marito? Nel corso delle puntate, Chi l’ha visto ha parlato diverse volte con il padre di Ferdinando e suocero di Maria Chindamo. Vincenzo Punturiero è esasperato e non accetta le accuse che gli sono state mosse.

“Mi stanno demoralizzando. Mi stanno pigliando per mafioso, per delinquente e sono incensurato”

Maria Chindamo: L’indizio collegato al marito | Chi l’ha visto 14 giugno 2017

Vincenzo Punturiero non è il solo che ha interessato le indagini sulla scomparsa di Maria Chindamo. Esiste infatti un particolare curioso, riguardo sempre alla famiglia del marito della donna. Un nipote di Ferdinando Punturiero è infatti stato accusato e condannato per aver aggredito uno zio. Secondo gli inquirenti il movente ruota attorno a motivi economici. Di quel giorno, la vittima rivela diversi particolari agghiaccianti.

“Era a piedi e con qualcosa di nascosto dietro la schiena. Sono sceso dall’auto e lui si è avvicinato sempre di più. Dietro la schiena nascondeva una zappa, mi ha colpito ripetutamente sulla schiena […] sono rimasto a terra, come morto”

Condannato a 4 mesi, il presunto aggressore ha usato all’epoca una modalità simile a quella usata per attaccare Maria Chindamo. I due eventi sono collegati? Possibile che l’imprenditrice di Laureana di Borrello sia stata uccisa in realtà per mano di un parente e per motivi diversi da quanto emerso finora?

Rivedi con noi gli aggiornamenti precedenti sul caso di Maria Chindamo

Maria Chindamo: Uccisa da un’amante del marito? | Quarto Grado Video