Omicidio Pierini, il nipote: “Sono pentito, ma non perdono mia madre”

0
1 visite
Omicidio Pierini, ultime notizie - Piacenza
Omicidio Pierini, ultime notizie - Piacenza

Omicidio Pierini, condannato il nipote Gino Laurini a 9 anni di detenzione. Riconosciuto dal pm il rapporto di sottomissione che il figlio di Maria Grazia Guidoni aveva con la madre. Il processo si è svolto tramite rito abbreviato.

Omicidio Pierini, ridotta di un anno la pena richiesta dal pm Roberto Fontana per Gino Laurini. Il giovane è stato condannato a 9 anni di detenzione questa mattina ed ha avuto modo di parlare alla stampa. In particolare ha riferito alcuni particolari del suo rapporto con la madre Maria Grazia Guidoni, con cui secondo gli inquirenti avrebbe commesso il delitto della nonna Giuseppina Pierini.

“È stato un lungo travaglio per elaborare quanto successo. Sono pentito di quanto fatto, ma sono convinto di aver fatto la cosa giusta quando sono andato dai carabinieri”

I giornalisti hanno inoltre richiesto a Gino Laurini se sia disposto a perdonare la madre per averlo coinvolto nell’omicidio.

“Non è facile, ci devo pensare”

Come sottolinea Il Piacenza, Laurini è accusato di omicidio premeditato e di occultamento di cadavere. L’omicidio si è consumato infatti nel luglio del 2012 a Pontenure e il corpo di Giuseppina Pierini è stato successivamente spostato a Massa Marittima. Il corpo della 63enne è stato quindi abbandonato fra i rovi di un casale in disuso, in cui la famiglia aveva abitato anni prima. Gino Laurini rimane inoltre il testimone chiave dell’omicidio di Giuseppina Pierini, dato che fu lui a rivelare agli inquirenti la responsabilità della madre Maria Grazia Guidoni.