Omicidio a Osimo, Andreucci: “Consapevole”. Negata la perizia

0
3 visite
Omicidio a Osimo - Valerio Andreucci, Olindo Pinciaroli
Omicidio a Osimo - Valerio Andreucci, Olindo Pinciaroli

Omicidio a Osimo, ultime notizie: Valerio Andreucci avrebbe ucciso consapevolmente il veterinario 50enne Olindo Pinciaroli. Il delitto è stato consumato lo scorso 21 maggio ed a differenza delle sue dichiarazioni iniziali, sembra che il giovane fosse lucido.

Battaglia fra accusa e difesa per la posizione di Valerio Andreucci, accusato dell’omicidio a Osimo. L’assistente del veterinario Olindo Pinciaroli si trova in carcere con l’accusa di omicidio volontario. Il 24enne era lucido al momento del delitto? Secondo l’accusa sarebbe stato del tutto consapevole al momento dei fatti ed avrebbe cercato di depistare le indagini con cognizione di causa. Sarebbe questo il punto determinante che porta il pm a puntare il dito contro Valerio Andreucci per l’omicidio a Osimo.

Diversa la posizione della difesa, che continua a premere perché il sospettato venga sottoposto a visita medica. Il difensore Alessandro Angelozzi ha infatti richiesto che Andreucci venga visitato da uno specialista, richiesta che è stata rigettata. Nella giornata di ieri, specifica Il Resto del Carlino, il legale ha depositato una nuova istanza. La figura che dovrebbe svolgere la perizia è inoltre il dottor Alberto Mancini, direttore del Dipartimento di Igiene Mentale di Fermo.

Diversa la posizione del pm Marco Pucilli, che ha sostenuto come la richiesta sia generica e che potrebbe influire sui prossimi accertamenti per l’omicidio a Osimo. La Direzione del carcere in cui si trova il 24enne non ha segnalato inoltre eventuali problemi psichici nel giovane. Quest’ultimo avrebbe invece riferito al proprio difensore di avere delle difficoltà a dormire e di essere costretto per questo ad assumere dei tranquillanti.