Omicidio Noemi Durini, ultime notizie – Lucio Marzo cambia di nuovo versione dei fatti, dopo aver additato come colpevole l’amico 50enne Fausto Nicolì. Secondo il giovane, detenuto a Quartucciu per l’omicidio Noemi Durini,i veri responsabili sarebbero in realtà altri soggetti. Alcuni mesi fa Quarto Grado ha mandato in onda un video sulla sua confessione e la successiva ritrattazione. Le nuove dichiarazioni del ragazzo sarebbero per ora top secret.

Omicidio Noemi Durini, Lucio Marzo accusa altre persone

Lucio Marzo continua a cambiare la propria versione dei fatti, rilasciando una terza testimonianza su quanto accaduto a Specchia. In prima battuta il ragazzo aveva infatti confessato di essere l’unico responsabile dell’omicidio Noemi Durini, che in seguito ha attribuito a Fausto Nicolì. Secondo la sua seconda versione, il 50enne avrebbe infatti incontrato la coppia quella fatidica notte e sarebbe rimasto da solo con la vittima. Ha affermato inoltre che Noemi fosse ancora viva prima che lasciasse la campagna in cui si erano fermati con Nicolì. Parole che tuttavia non hanno convinto gli inquirenti, soprattutto per via di un dettaglio sulle pietre. Lucio Marzo infatti ha confermato di aver nascosto il corpo di Noemi con delle pietre, un’azione inutile se in quel momento la ragazza era davvero ancora viva.

Nel corso dei mesi il principale sospettato del delitto è stato sottoposto anche a perizia psichiatrica. Il risultato è che fosse capace di intendere e volere al momento della tragedia. Fausto Nicolì è stato invece indagato come atto dovuto. Nella nuova versione dei fatti, Lucio avrebbe parlato di altre persone intervenute il giorno del delitto. Non si conoscono molti particolari, dato che gli inquirenti hanno imposto la massima segretezza su queste sue ultime dichiarazioni. Lucio Marzo sarebbe stato infatti sottoposto ad un nuovo interrogatorio su sua espressa richiesta ed avrebbe ritrattato la versione precedente sull’omicidio Noemi Durini.